In salita

28-04-22
… il mio primo compleanno senza di te!
Ho chiesto, a tutti, di non farmi gli auguri, perché non avevo nulla da festeggiare, perché la notte è passata contando i minuti, fino al momento, 08.50, in cui io e te abbiamo corso per la vita.
Il tempo consola? Cauterizza? Anestetizza?
Per ora non so rispondere, sento solo lo schiocco delle fruste sul cuore e un dolore lancinante …
Una persona, senza volerlo, mi ha fatto un regalo, mi ha detto che ho i tuoi occhi, che nel guardarli si tocca l’anima.
Ti cercherò nel riflesso di uno specchio, nello sguardo degli altri che in me cercheranno qualcosa di te …
Ti Amo Mamma
– Carla –

10 pensieri su “In salita

  1. Ciao carissima Carla, mi hai commosso tantissimo. Hai riportato nella mia mente momenti tristissimi che anch’io ho vissuto dieci anni fa e ancora oggi provo una fitta al cuore. So cosa si prova e non importa l’età, la mamma è sempre la mamma. Un bacio grosso grosso

    • Spero che le nostre mamme si siano conosciute e passino del tempo insieme.
      Il credere di poterla riabbracciare, un giorno, mi fa sopportare questo dolore.
      Era mia madre, eppure, non sono di parte, lei era una donna buona, dolce, sempre sorridente, sapeva perdonare anche le carogne.
      Il giorno del suo funerale piangevano persone che mai avrei creduto.
      Mi è rimasto impresso un ragazzino, che a breve diventerà padre, che si rattristava per non essere riuscito a darle la notizia, dopo averlo detto ai suoi, voleva dirlo a lei, prima degli altri.
      Ha speso parole che dedichi ad una nonna.
      La sua lapide non è stata ancora collocata, perchè particolare e in lavorazione, è rimasto un forellino, nascosto e come una bimba infilo bigliettini per dirle quanto la amo e quanto mi manca.
      Resto la sua bambina e lei la mia adorata mamma.
      Perdona lo sfogo …
      Serena notte

I commenti sono chiusi.