Falene

Tra i capelli, spettinati,
nascondo il tuo pensiero,
sulle labbra, arricciate,
il tuo sorriso,
tra le ciglia, assonnate,
uno sguardo che temevo di aver dimenticato
e tra le dita, stanche,
trattengo i battiti di una notte di sole.
– Carla –

Serena notte

Jesus to a child

Hai accordato un “dono”, una voce inimitabile, cucito carezze impalpabili sul mio animo adolescente, disegnato un sorriso e arrestato, sul nascere, una lacrima sul volto di una ragazza, ironizzare una donna che, nel guardarti esclamava – Esiste qualcosa di più sensuale? –
Eh già, sei stato, e lo resterai, una delle opere più gradevoli del Signore …
Stanotte, nel rincorrere il sonno, ti ricordo così, con una delle tue più belle, canzoni “Jesus to a child”, sicura che ti è bastato intonarla per far spalancare le braccia di Dio Padre.
Sereno risveglio a tutti …
– Carla –

https://music.youtube.com/watch?v=zNBj4EV_hAo&feature=share

Fungo Nero

Scorro le notizie sul cellulare ed ecco che …
India:
più di 45 mila casi, oltre 4.200 decessi, mortalità stimata intorno al 54%.
La fiamma del Covid invece d’indebolirsi diventa più forte?
È il mio primo pensiero …
Continuo a leggere e comprendo che si tratta di una epidemia, pare ancora circoscritta, denominata “Fungo Nero”, il tasso di mortalità, in ogni caso, è altissimo.
Si tratta di una mucormicosi, una infezione fungina, che aggredisce, in particolar modo, i soggetti affetti da diabete mal curato o immunodepressi.
È causata dai mucormiceti, muffe che, in linea di massima, non riescono a danneggiare un organismo sano e fanno festa in uno indebolito.
Chi ha superato il Covid, in maniera tangibile o silente, una battaglia non facile l’ha affrontata e quindi risulta padrone di casa “ospitale”.
I sintomi?
Tutto inizia con un visibile gonfiore in viso e congestione nasale, seguiti dalla comparsa di chiazze scure sul naso, sulle labbra e nel cavo orale, lesioni riconducibili ad un principio di necrosi dei tessuti.
Il problema può arrivare ad estendersi agli occhi, compromettendo la vista, nei casi più gravi, ai polmoni e al cervello.
Quando ero bambina, a scuola, mi veniva spiegata la lebbra e quanto potesse essere crudele con le persone colpite.
Oggi mi sento come allora, piccola e impotente!
Non bastano le 1000 lire, infilate nel salvadanaio sulla cattedra della maestra, per dare una mano.
Buona cena …
– Carla –