La noia mi “fulmina” …

Ennesima festività da criceto in gabbia, con la “ruota” che non smette mai di girare, macinando km, tra pensieri e diversivi che mettano all’angolo la noia …
Internet è la mia salvezza, ci trascorro le ore a leggere, a scovare curiosità che mi portino ad evadere, a spostarmi almeno con la testa.
Oggi, dopo aver fatto il pieno d’informazioni sui luoghi abbandonati dell’isola, che desidererei visitare, mi sono soffermata a pensare al mio nome e al fatto che ho sempre festeggiato l’onomastico il 4 novembre, San Carlo Borromeo.
Esiste una Santa Carla?  … mi sono detta, così ho iniziato a cercare tutte le notizie possibili sul mio nome.
Ho trovato che circa 300 mila persone, in Italia, si chiamano come me, cosa che mi ha stupita non poco, sicuramente perché in Sardegna è presente meno del 2%, mentre è abbastanza diffuso nel nord della penisola.
31% in Lombardia, 13% in Emilia, 10% in Piemonte, 9% in Toscana e 8% in Veneto e Lazio.
Di origine germanica, significa “persona libera”, “forte” e “sovrana”, con le seguenti varianti: Carola, Carolina e Carlotta.
Chi lo “indossa” DOVREBBE (lo scrivo in maiuscolo perché non mi ci rifletto in toto) essere:
Dolce (pestami i piedini bonsai e vediamo se lo resto),
gentile (se lo sei lo sono e puoi ritenerti fortunato se t’ignoro, in caso contrario),
pensa al bene delle persone che ama,
si prodiga per gli altri, non aspettandosi nulla in cambio,
è intelligente (non penso di essere stolta) , ma nel contempo ingenua,
vede, sempre, il buono negli altri, anche quando scarseggia (quando però realizzo, finisce la festa),
ama gli animali,
il buon cibo (faaaalsooooo, mangio ospedaliero e schifezze),
viaggiare (solo se non devo mollare i pelosi come fossero frigoriferi o termosifoni)
e dialogare.
Il segno zodiacale corrispondente o affine è la bilancia.
L’animale guida l’elefante.
La pietra il rubino, lo zircone rosso, il granato rosso e la corniola.
Il colore il rosso.
Il metallo il bronzo.
 … ma la Santa?
Ne ho trovate due!!!
Santa Carolina di Denain, detta “Regina”, vissuta nell’VIII secolo, in Francia, che si festeggia il 1° luglio.
Santa Carola Gerhradinger di Regensburg, conosciuta come Maria Teresa di Gesù, nata a Stadtamhof il 20 giugno 1797, morta a Monaco di Baviera il 9 maggio 1879 e proclamata beata da Giovanni Paolo II nel 1985, che si festeggia il 9 maggio.
Se butta bene, mi godo una Santa Carla, all’aria aperta, tra pochi giorni …
Serena notte …
– Carla –

5 pensieri su “La noia mi “fulmina” …

  1. Ecco, brava… 🙂 Questo periodo sta demolendo anche me; non ne posso più; sono almeno tre giorni che dico che voglio dedicarmi a rivedere delle cose che ho scritto, e ancora non ci riesco; se non altro, non mi tolgo il tempo per leggere, vuoi in digitale, vuoi in cartaceo; e poi, di tanto in tanto, una passeggiata dentro casa, ma aspetto con ansia maggio, per uscire almeno a fare il giro dell’isolato… Prima di salutarti… te l’ho detto che il nuovo stile del mio blog si chiama Karla? 😉 Buonanotte, cara Carla! Ti abbraccio! ❤

I commenti sono chiusi.