Gli amanti di Teruel

È il 1217 e in Spagna, nella città di Teruel per l’esattezza, l’amicizia tra due ragazzi, Isabel de Segura e Juan Martinez de Mercilla, si trasforma in un sentimento diverso, l’Amore.
Isabel appartiene ad una famiglia benestante, Juan ha umili origini, impensabile che la loro unione possa essere accettata e benedetta dai genitori di lei.
I sentimenti, quelli veri, lo sa bene chi li ha sentiti prendere residenza nell’anima, non conoscono ostacoli insormontabili, lo sapeva anche quel giovane uomo innamorato che, non volendo rinunciare alla ragione della sua vita, riuscì a strappare una promessa.
Gli furono accordati cinque anni di tempo per farsi una posizione, sociale ed economica, degna di Isabel, anni che avrebbe speso in guerra, sperando di fare fortuna.
Non tutti sanno tener fede agli accordi presi, quindi, nel tornare da lei si trovò a dover fare i conti con una realtà ben diversa da quella a cui si era aggrappato … la sua amata era andata in moglie ad un fratello del signore di Albarracin.
Riuscito ad intrufolarsi dietro il letto della fanciulla, non appena furono soli, le chiese un bacio d’amore, prontamente rifiutato, nel rispetto del vincolo matrimoniale, che lo condusse a morte immediata, spezzandogli il cuore.
Al funerale, Isabel, straziata dal senso di colpa e innamorata più che mai, decise di donargli quel bacio, condividendone la stessa sorte, al contatto con le sue labbra.
Nel 1555, nel corso di un’importante ristrutturazione della cappella dei santi Cosma e Damiano, furono rinvenute due mummie e un documento notarile che narrava la storia degli sfortunati amanti.
Le salme di Isabel e Juan, oggi riposano nel Mausoleo de Los Amantes, aggiunto all’edificio della chiesa di Teruel, sotto le statue che si sfiorano la mano, realizzate nel 1955 da Juan de Avalos.
(in rete trovate una carrellata d’immagini)
D’Amore non si muore?
Talvolta si muore, anche restando in vita!
Buonanotte …
– Carla –

 

 

 

6 pensieri su “Gli amanti di Teruel

I commenti sono chiusi.