Le prime cose …

Le prime cose che farò, non appena la realtà tornerà ad avere un accenno di sfumature di normalità, saranno poche ma preziose …
Andrò a trovare i miei genitori e, non togliendo la mascherina, mi perderò in un abbraccio, rispettando la distanza sociale, condividerò un caffè, zuccherato con i loro sorrisi, sentendo la felicità scorrere da un cuore all’altro.
Scherzerò con i miei fratelli, eliminando uno schermo!!!
Mi recherò in uno dei sentieri, dove cammino o corro, per riempirmi i polmoni con il profumo della natura e per sentire, anche solo per un istante, gli aghi di pino spezzarsi sotto i piedi nudi.
Passerò davanti al mare, per perdermi nel riflesso del sole sull’acqua e ammirare il volo di un gabbiano, affidando all’orizzonte (quella linea sottile che scioglie cielo e mare) un pensiero di pace.
Mi perderò negli occhi di chi non ha mai smesso di attribuirmi valore, sperando di ricambiare, con il silenzio, un bene che non si può barattare.
Tenterò di riaprire le imposte dell’anima perché possa riaffacciarsi l’Amore …
Voi che farete?
Buona cena …
– Carla –

2 pensieri su “Le prime cose …

  1. Di sicuro voglio rivedere persone cui sono molto affezionato, poi vorrei tornare anche io sul mare, a perdermi nel sole, oppure (virtualmente) nel mare…

  2. io spero di serbare nel mio animo la brezza di questo focolare “forzato”,di soffermare il mio sguardo sull’essenziale e non sul….volere…bastano solo un briciolo di fantasia e delle matite colorate per abbellire un nido. E anche se lo scorrere delle stagioni si limiterà a sfiorarmi tra le barriere di questo mio giardino ne coglierò ogni respiro. Ti abbraccio cara amica

I commenti sono chiusi.