Il Serpente e la Lucciola

Un’antica leggenda indiana narra che un Serpente senza scrupoli, individuata una Lucciola, iniziò a seguirla con l’intento di nutrirsene.
La piccola creatura, in preda alla paura, cercò in tutti i modi di sfuggire alla cattura, finché, dopo tre giorni di persecuzione, allo stremo delle forze, decise di porre fine ad un’insostenibile agonia, affrontando il proprio destino.
Fermatasi davanti al suo carnefice, prima che potesse avventarsi sul suo corpo, gli chiese di rispondere a 3 interrogativi.
– Non è mia abitudine dare risposte al mio “pasto”, tuttavia, con te, farò un’eccezione – esclamò la serpe affamata.
– Appartengo alla tua catena alimentare? – fu il primo quesito.
– No – la risposta secca.
– Ti ho fatto qualcosa di male? – il secondo.
– No, assolutamente no! – continuò a rispondere.
– Spiegami, allora, perché vuoi divorarmi? – incalzò, la Lucciola, con il terzo.
– Non posso sopportare il tuo brillare! – concluse, ponendo fine alla sua vita.
La “luce” … la bellezza che propaga, il potere di rendere visibile il cammino, strappandolo alle ombre … spaventa chi non la conosce, chi non la possiede, accendendo il desiderio bestiale di “smorzarla”.
La “luce”, spaventa anche chi la irradia, conscio della fatica e del peso di una scelta non sempre condivisa.
Brilla, cercando la felicità anche tra le grinze del timore, lascia che sia l’altro a muoversi con l’anima che arranca sul selciato, perché i Serpenti che freddano le Lucciole, realizzano, troppo tardi, di condannarsi al buio, che nasconde insidie ed ostacoli.
Buonanotte …
– Carla –

11 pensieri su “Il Serpente e la Lucciola

    • Ciao “Padre spirituale” e “Fratello di fede” … Come stai? Ricorda che non smetto mai di pregare anche per te … Ti abbraccio, serena notte!

      • Ciao “Sorella di fede”, ti ringrazio di cuore per le tue preghiere; in questo momento soprattutto non possono che fare bene; io faccio lo stesso per te… Io sto bene, ti ringrazio; la mia attività da un mese a questa parte è leggere; sono alle prese con un saggio di cui spero presto potrai leggere la recensione; nel frattempo (in formato elettronico) sto leggendo un romanzo, così per distrarmi un po’ dalle cose complesse; e poi è anche un modo per leggere di più. 😉 Insomma, non mettendo il naso fuori di casa, le cose da fare ogni tanto cerco di procurarmele. Tu come stai?
        Ti auguro una serena giornata.
        Ti abbraccio ❤

I commenti sono chiusi.