Coronavirus

Ad oggi, in Italia, sono stati accertati due casi di “coronavirus”, una coppia di cinesi, giunti nella capitale nei giorni scorsi ed attualmente ricoverati all’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Spallanzani (Rm).
I sintomi, che possono essere accostati alla comune influenza, sono tosse, febbre e difficoltà respiratorie.
È follia, me ne rendo conto, ma la paura che, in qualche modo, il virus possa diffondersi e toccare soggetti fragili come mia madre e, in maniera minore, mio padre, mi mette ansia, un’ansia non trascurabile.
Cercare informazioni, attendibili, è la sola arma a mia disposizione, a disposizione della maggioranza di noi …
Confidando in una risoluzione rapida e nella ritrovata salute di chiunque, nel mondo, è coinvolto, lascio il link di un articolo che vuol essere un piccolo cerino acceso, nella stanza buia della non conoscenza della grandezza della medicina.
https://www.farmacoecura.it/influenza/sars-e-coronavirus-sintomi-prevenzione-e-contagio/

… serena notte …
– Carla –

 

12 pensieri su “Coronavirus

  1. Puoi riporre la rua ansia.
    Non è letale come sembra e , altro fattore importante, la nostra alimentazione è normalmente ricca di vitamine, che sono antiinfettivi naturali
    Inoltre facciamo uso di aglio e cipolle, che aggiungono una dose di sulfamidico naturale.
    Quindi non preoccuparti troppo.
    Mangia frutta ,arance kiwi mandarini, limoni pompelmi ecc.
    Usa aglio e cipolla in dosi non esagerate, per non irritare la digestione, peperoni , verza (meglio quella rossa).
    Yoghurt magro, aumenta le difese immunitarie, ma non più di 200 grammi al giorno, anche l’intestino ha i suoi ritmi.
    Stai tranquilla, beviti una tisana rilassante e non sentire tutti, ma solo quelli qualificati (medici e farmacisti).
    Un abbraccio
    Giancarlo

  2. Io invece non riesco proprio a capire l’eccessivo allarmismo suscitato nei confronti di questa nuova influenza da autorità e media e penso alle enormi ricadute economiche che avrà a livello mondiale, mentre la falce della morte si abbatterà con la stessa identica frequenza con cui falcidiava i contagiati delle scorse epidemie.

  3. Mi unisco anch’io, non stare in pensiero non è niente di più pericoloso di quanto normalmente ci circondi. So che la preoccupazione per i nostri cari è una molla molto forte, ma penso tu possa stare serena

I commenti sono chiusi.