C’era una volta …

Le fiabe della mia generazione, al capolinea degli anni 70 del secolo scorso, iniziavano tutte così ( o con – Era una notte buia e tempestosa … –) e non era insolito che si chiudessero con un finale invariato – … e vissero tutti felici e contenti! – Sono crescita a “Pane & Rodari” e solo da più grande (non a livello scolastico ma puramente personale) ho iniziato ad avvicinarmi ad un passato (parecchio passato perchè mi riferisco al 600 a.c.) che ha dato i natali ad un “favolista” sempre attuale, Fedro. La sua favola più nota è, senza ombra di dubbio, “La volpe e l’uva”, proposta alle elementari e divenuta una sorta di proverbio, con cui tirar le orecchie a chi dichiara disinteresse per quel che non può avere e che in realtà vorrebbe. La genialità nell’attribuire agli animali le imperfezioni umane, ridicolizzandoli, conduce, anche i meno attenti o sapienti, a sfogliare tra le pagine del proprio vivere ed a pensare di riscrivere i percorsi di parole o azioni. Una delle mie preferite (che in alcuni testi è intitolata “Il contadino e la Serpe”) è la seguente:

La Serpe in seno
Uno vide una serpe congelata
e la raccolse, per scaldarla in seno.
Fu pietoso con lei, non con se stesso:
non appena si fu ripresa infatti
la serpe uccise il suo benefattore.
A chi le chiese perché l’avesse fatto:
“Perché nessuno impari” lei rispose
“a far del bene ad esseri malvagi”.

Rincorsa dalla mia radicata “sarditudine” mi sovviene un detto Fai beni e bai in galera!” (Prodigati a far del bene e sarai ripagato finendo dietro le sbarre).
– Carla –

4 pensieri su “C’era una volta …

  1. quante verità ci sono nelle favole antiche e moderne, perché dentro ognuna c’è sempre una morale. Fedro sicuramente è un grande favolista.

  2. Lo scopo didattico delle favole era senza dubbio utilissimo.
    Ricordi quante mettevano in guardia dai cattivi? Due esempi classici: Pinocchio e Cappuccetto Rosso. Altro che superpoteri ed immortalità… Chi non ricorda Hansel e Gretel? Un moderno monito contro la pedofilia. No?

I commenti sono chiusi.