Baottu de setti berrittas

Leggere è una delle mie più grandi passioni, penso si sia capito, e quando saltellare tra le parole mi permette di scoprire nuove tracce del passato, e non solo di viaggiare con la fantasia, potendo soddisfare una curiosità, quasi infantile, l’appagamento è doppio. Tempo fa ho scoperto un autore sardo, di Ozieri (SS), e l’amore per le venature della mia terra è divampato. Lascio un link, dove potrete trovare informazioni concernenti le sue opere, nel caso la curiosità pizzicasse anche voi.
https://www.newtoncompton.com/autore/gianmichele-lisai
Il libro che ho appena finito di leggere (per la seconda volta, in maniera più attenta) s’intitola “SARDEGNA ESOTERICA – Il volto misterioso di un’isola ancestrale, sospesa tra sacro e profano” e l’argomento che voglio condividere è quello menzionato nel titolo. Ho un ricordo, abbastanza confuso, di qualcosa del genere (raccontato da una bambina che incontravo alle elementari), di uno gnomo a cui un’anziana aveva sottratto uno strano cappuccio. Lei lo aveva chiamato “Pundacciu”. Un pietoso “copia & incolla” della storia narrata da Lisai non mi pare appropriato, perciò, ho fatto una piccola ricerca in rete per trovare frammenti con cui formare un mio mosaico.

– Il personaggio in questione viene definito “folletto”, una creatura non più alta di un bambino di 3 anni, paffutello e dai movimenti goffi, con in dosso abiti di velluto blu e sulla testa 7 berrettini rossi. Nonostante il suo aspetto, corre veloce, sfiorando il terreno, il pelo dell’acqua e qualsiasi altro ostacolo, posandosi in modo lieve e comparendo e scomparendo fulmineamente. Dispettoso come pochi, si narra, si diverta a perseguitare gli uomini, accomodandosi sul loro petto durante il sonno. Di giorno vive sotto le viscere della terra, attento a custodire pentole colme d’oro e preziosi di vario genere, che non sono di sua proprietà ma di cui si è impossessato e che rischia di veder passare tra le mani di chiunque riuscirà a strappargli dalla testa anche uno solo dei suoi cappellini. La leggenda vuole che per evitare di svelare il luogo in cui trattiene il tesoro, si cimenti in un pianto atto a commuovere chi gli ha sottratto il copricapo, sciogliendosi in tante promesse, per dimostrare gratitudine, che non saranno mai mantenute, quindi, per gabbarlo è necessario usare la sua stessa furbizia e non farsi intenerire! Uno di loro, fregato da una bimba scaltra, pare vaghi ancora per Ittireddu, speranzoso di riavere quanto ha perduto e che a Isili, un bimbo sia riuscito a farsi consegnare una fortuna, gettandogli al collo un rosario –

Non ho mai avuto l’onore di incontrare uno di questi “simpatici” nanetti, diversamente, mi avrebbe preceduta la fama di donatrice di cappellini rossi!!!
– Carla –

Annunci

7 thoughts on “Baottu de setti berrittas

  1. un folletto del genere si trova anche dalle mie parti e fa esattamente le medesime cose del tuo folletto sardo. Dispettoso con le ragazze che non vogliono lasciarsi toccare i capelli. Vestito di rosso. Cambia la terra, cambia il nome ma la sostanza resta

  2. Bonjour ou Bonsoir jeune fille

    Un petit passage par chez toi est une joie , un vrai régal même

    Cela pour me dire que je vais bien

    Quand je vole de blogs en blogs

    J’en oublie mes soucis , c’est une vrai promenade

    Mais avant de partir prochainement en vacances

    Des vacances s’ils ont veux bien

    Je tenais à te saluer te souhaiter

    Tout ce qu’il y a de meilleurs pour toi ,profite bien

    De même pour ta petite famille

    Bisous Bernard à BIENTOT

    Un peu de fraicheur

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...