Quando la dignità va in vacanza …

Sotto l’ombrellone si “stende” di tutto, dal telo al materassino, dal fisico stremato (in cerca di rigenerazione) ai pensieri (che implorano una pausa), lasciando un posto libero per un eventuale ospite, sperato, che srotoli stupore ed allegria. Mi ero sistemata, al sole, sognando il corteggiamento serrato di Morfeo (ho sempre creduto di essere la reincarnazione di una lucertolina), quando, sotto un parasole blu elettrico, un Lui e una Lei, incuranti della mia presenza, probabilmente sicuri che dormissi o fossi in coma irreversibile, si sono scatenati in una conversazione da duri d’orecchi, straziandomi i timpani. Il posto d’onore, là sotto, accanto alla borsa termica e le racchette da spiaggia, non ho dubbi, era la dignità. Eh sì, la “Signora” che non dovrebbe mai abbandonare il timone della vita di ciascuno di noi, talvolta viene spedita in vacanza e, mentre lei si gode il meritato riposo, chi ne resta sprovvisto si ridicolizza o porge la groppa a mò di zerbino. La “Cougar”, in monobikini, dalle tette rifatte, applicate su un fondo stropicciato, al pari di un capo centrifugato, con le chiappette della Sunsweet, il maquillage realizzato da Picasso e due ciglia finte che spostavano l’aria, mi sembrò il non plus ultra di una dignità morente … ehhh sbagliavo!!! La famelica, intenta ad ancorare l’avanzata del tempo, a cercar di sparare una delle ultime cartucciere, mirando “bene”, è una killer professionista della dignità estetica, il “Lui” di ieri sa far decisamente di meglio, nella veste di sicario di quello dell’animo. Il tizio, quasi riportasse qualcosa che investe tutti, meritevole di una matura comprensione, snocciolava le ultime sulla sua situazione affettiva e “Lei”, che non riusciva ad incolonnare più di 10 parole, spazzate via dal fiume in piena, si adoperava per riportarlo alla ragione.
Lui: – L’ho aspettata sotto casa, per farle una sorpresa, mi aveva mandato un messaggio qualche ora prima, chiedendomi se poteva prenotare la nostra solita vacanza, ed è arrivata con un altro. Ci siamo solo guardati, non sono riuscito a dire una parola! –
(La parola l’avrei io … chiara, univoca … ma me la tengo!)
Lei: – Ti tratta come uno straccio da tempo, non ti basta per guardare avanti? –
Lui: – Mi ha scritto, che non è stata sincera per evitarmi di starci male. È colpa mia, sono io sbagliato … –
(Con le escrescenze sulla testa scardini i telai delle porte e saresti tu quello sbagliato?)
Lui: – Pensi che veda entrambi? –
(A targhe alterne, tu che dici?)
Stremata da quel ping pong di frasi, sensate solo da una parte (intuirete quale), mi sono alzata ed ho posato il mio lato b, con tanto di soffice cuscino incorporato, sulla battigia, accarezzando l’udito con la voce del silenzio. Il punto non è tanto il dover diventare pettegola forzata, farsi i cavoli degli altri (scordando quanto si è udito già in fase di ascolto) qualche volta trascina anche in situazioni divertenti e distensive, è il subirsi la limitatezza di taluni e non poter nemmeno dire – Scappa e non voltarti! – che stronca.
La dignità questo ragazzo l’ha trucidata in fasce? Non voglio credere che una persona possa pensare di dividere la propria esistenza con chi non la rispetta e si adopera per farla sentire in colpa, nel non comprendere la generosità di una bugia. Ma siamo matti? Una balla del genere non è una bugia bianca ma l’espressione di una putrefazione interiore avanzata! Sono io ad essere vintage??? Me lo domando!!! Ho ragione o no nel sostenere che l’infelicità qualcuno se la imbastisce addosso?
– Carla –

Annunci

13 thoughts on “Quando la dignità va in vacanza …

  1. Io penso che la dignità non solo se la stava ridendo da matti ma stava pure gridando: “BENVENUTO NEL GIRONE DEI CORNUTI, QUARTO CERCHIO. Altro portatore sano di legno per falegnami in arrivo sul binario PICCHE! E poi vai ad esprimere le tue pene ad un canotto gonfiabile che le manca solo un motore da 4CV montato sul culo e potete fare insieme un giretto al largo?”

  2. Ho risolto questo tipo di situazioni con la piccola tecnologia.
    Anni ’80 walkman e cassete
    Anni ’90 lettore cd portable
    Dal nuovo millennio ho solo aumentato i giga nelle msd del cell e consumayo kg di auricolari.

    Su coro meu Playlist musicale batte chiacchiere inutili e gente piccola senza dignita’! 😉

  3. Hai ragione eccome, ci sono quelle/i che meritano l’oscar per riuscire a girare la frittata e da colpevoli far passare gli altri…”cornuti e mazziati” come si suol dire…. Non si deve mai permettere a nessuno di calpestare la propria dignità!

    ________________________________

  4. C’è anche tutta una tipologia di persone che ha la stoffa della vittima, amore e rovina personale, amore e sofferenza, amore e dignità calpestata… Non mi meraviglio per il bagnante, però poverino, lo compatisco!

  5. Bonjour mon ami ou mon amie

    Je n’ai aucune raison de courir

    La vie me donne le temps

    Soit dans le sens du vent ou à contre courant

    Mais je vais toujours devant moi

    Même si parfois je piétine ou je vais à reculons

    Mais je réussirais et traverserais ce pont de L’avenir

    Pour finalement arriver chez toi

    Je te souhaite une agréable journée

    Gros bisous d’amitié

    Bernard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...