Giovani ospiti crescono!

Carla, ti stai sbagliando, era … “Piccole donne crescono”! Ehhhh Noooooo … è proprio “Giovani ospiti crescono”, o meglio, più che crescere anagraficamente, di peso o di statura, sarebbe esatto dire che si trasformano gradualmente, per trovare un’esatta collocazione nell’intricato meccanismo del vivere all’interno di un tessuto sociale. Ma è meravigliosooooo!!! Abbracciare l’evoluzione, precedere temerariamente i tempi è lodevole, andrebbe premiato … Sì, un riconoscimento è doveroso, non solo per chi lo attua in prima persona, ma anche per chi ha l’intuizione e spalanca le porte delle nostre esistenze, vuote, che necessitavano di guardare ad un futuro diverso, notevolmente più ricco. Stiamo apprendendo la finissima arte dell’INVENTARIO DEL CASSONETTO, riscoprendo il mestiere dello STALKERISTA QUESTUANTE, introdotta dalla cultura rom ed oggi (ve lo scrivo con mano tremante, pervasa da profonda emozione), grazie alla narrazione di mia sorella, scopro il terzo, incredibile, culturalmente elevato, moralmente pregiato, progresso. Per meglio farvi partecipi di questa “benedizione” vi riporto le sue parole.

“Carla, non ci crederai, ho fatto la figura della stordita e poi dell’invasata … ma non mi aspettavo una cosa del genere! Correvo, il solito percorso, quando un ragazzo di colore mi fa cenno di fermarmi, tolgo le cuffie, e lui, avvicinandosi mi chiede – Mi sai dire dove si trova la stazione? – Da quel punto è lontana, lo sai, e allora gli dico di percorrere tutto il viale e di domandare alla farmacia che troverà all’ultimo incrocio, troppe indicazioni lo aiuterebbero solo a perdersi. Mi guarda, sorride e s’avvicina ancora di più, sussurrando – Faccio servizi! – Pensando si riferisse a piccoli lavoretti rispondo – Vivo in una palazzina quadrifamiliare non ho un mio giardino e non ho la cantina da ripulire, mi dispiace! – e lui incalza – Faccio giochi! – ed io, che non ho ancora afferrato, ribatto – Non ho neanche figli e quindi giochi da costruire o riparare! – Solo allora, quando mi punta con gli occhi da cane da tartufo, realizzo che non offre prestazioni da giardiniere, facchino o falegname ma se stesso come unica portata. Mi sono scordata di toccare il freno e l’ho piallato!!! Non puoi capire, ero talmente avvelenata che gli ho detto di tutto, compreso di tornare al suo paese …”.

Monica è una delle donne più sensibili ed altruiste che io conosca, non si risparmia mai, non badando a cosa hai, da dove vieni, ma solamente chi sei, a quello che il tuo animo esprime, divenendo scudo per chi non ha voce. La rabbia non le appartiene, eppure, la grettezza della situazione ha stritolato pure lei. Noi due siamo figlie innamorate di una cittadina un tempo bellissima, ordinata, imbevuta di un senso di appartenenza e fratellanza rassicuranti, è umanamente comprensibile il disgusto e la difficoltà a dominare l’istinto alla ribellione. Con la memoria viaggio nel passato e ricordo la presenza di una sola prostituta che si diceva si vendesse per sballarsi, una carriera morta rapidamente non trovando terreno fertile. Oggi la stazione è palcoscenico, più o meno velato, di danze oscene, di un mercimonio in cui arde la dignità di chi offre e viene percosso moralmente l’eventuale acquirente. Il meretricio maschile è l’ultima perla della collana … Dal cassonetto all’accattonaggio, finendo con il “mignotto”, e queste preziose presenze garantirebbero la pensione all’italiano del domani? Rispondo come il meraviglioso TOTO’ – MA MI FACCIA IL PIACEREEEEE! –
– Carla –

Annunci

29 thoughts on “Giovani ospiti crescono!

  1. Non so dove o come iniziare, e forse non dico nulla, ma una cosa voglio scrivere..

    la prostituzione maschile non è una novità, e nemmeno quella femminile.. mi domando perché nella nostra società che gode un abbastanza buono benessere, qualcuno deve vendere il proprio copro? (questo vale anche per uomini e donne italiane)

    Pian piano tutto cambia e senza renderci conto, ci svegliamo una mattina e ci rendiamo conto che nel paese che viviamo non e più nulla di nostro. Queste cose succedano quando si aspetta tanto e nessuno ha il coraggio di dire stop. Non e facile di non essere scortese, ma a volte e più forte di me e capita che vedo qualcosa che mi irrita tantissimo che lo mando la persona in questione a vaffanculo (scusa) .. Il rispetto verso il prossimo e la base per convivere in armonia…

    non so cara Carla come va finire tutto questo, abbi una buona domenica bussi 💛🌻

  2. capisco tu e tua sorella. Il mondo è preda di una follia e di una deriva che se non ci si mette un freno ci travolgerà tutti.
    Non ci sono altre parole oltre a quello che traspare dalle tue.

  3. Concordo e confermo che sono molti quelli,molti di origine nord africana che si danno al meretricio maschile e la cosa che fa più schifo è che guardano noi donne europee come donne molto facili,disposte anche a pagare per prestazioni sessuali a primo pingone che si offre.
    Non ce la posso fare….se questo è il loro concetto dell’Europa

    • A me capitò in Egitto che un ragazzo mi offrisse di non pagare dei vestiti, che avevo preso nel suo negozio al mercato, in cambio di un bacio profondo. Fu disgustoso lui che si avvicinava con la lingua sparata ….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...