Tassa sulla Morte!!!

http://www.fisco7.it/2015/07/in-arrivo-la-tassa-sui-morti/?utm_source=quifinanza.it&utm_medium=articolo&utm_term=testo&utm_content=link&utm_campaign=20150722_tassasuimorti

Avete letto? L’intenzione dovrebbe essere quella di correre in aiuto del cittadino, disciplinando, nella maniera più corretta e trasparente, i servizi funerari. Imporre il 10% di iva, assente in precedenza, aiuta? Un contributo fisso, di 30 euro, per ogni funerale semplifica? Costringere i comuni, notoriamente alla canna del gas, a destinare in 20% della Tasi per i cimiteri monumentali, difende dall’eventuale rincaro di tale aliquota? Imporre un numero di dipendenti e mezzi di proprietà non porterà alla chiusura di tante agenzie, che non hanno un volume di affari costante? Quando si dice – due piccioni con una fava – in questo frangente si cattura tutto lo stormo! L’ultimo saluto lo riceverà non solo il  “trapassato” ma anche il rispetto per il dolore legato ad un lutto, la solidarietà umana che funge da balsamo cicatrizzante e il domani di chi resta. Abbiamo fatto l’abitudine ad essere spremuti, calpestati, abbagliati con riprese economiche irreali, ma metter mano in un impasto di lacrime e fame, solo per far cassa, è aberrante. Se muoio prima della riscoperta dei valori dei nostri nonni, abbiate pietà del mio sentire, gettatemi in alto mare, tra la pace dei flutti, lontana da tanta, troppa vergogna!  

– Carla –

14 pensieri su “Tassa sulla Morte!!!

  1. Ah! volevo aggiungere. Nell’articolo si parla di 3000€ per le spese funerarie. Naturalmente è solo un esempio, perchè, tagliando tutto quello non è essenziale, il costo non scende sotto i 4000€.

  2. Ho chiesto ai miei figli, quando sarà, una bella cremazione. A questo punto dici che gli converrà farla da sé magari nel giardino di casa? In questo Paese non c’è più pudore. Questa è la verità. Arriveranno altre tasse e presto sarà un privilegio vivere. Quindi non servirà morire!

    • Ahahahah ottimo suggerimento, dirò agli amici o parenti stretti, visto che non ho figli, di impilare la legna e di adagiarmi sopra x un bel falò in cortile.

  3. Vista la crisi, il fai da te è d’obbligo. Così come c’industriamo a riparare suppellettili, tubazioni, lavatrici e frigoriferi, prima o poi c’industrieremo in altre pratiche. Ad esempio nella gestione del trapasso. Ecco, ci vorrebbe un bel manuale…

I commenti sono chiusi.