Democrazia?

Non lo facevo da una vita, dai tempi della scuola … Cosa? Rispolverare le definizioni che individuano la linea di governo di un Paese! Nel “nostro” vige la Democrazia, ovvero quella concezione politica fondata sui principi della sovranità popolare, dell’uguaglianza giuridica dei cittadini, dell’attribuzione di diritti e doveri sanciti dalla Costituzione … Hhhhmmm, vogliamo fare una rapida analisi? “Sovranità popolare”? Se siamo noi i sovrani come mai le nostre rivendicazioni non hanno voce? “Uguaglianza Giuridica”? Se risponde a verità perché si assiste, sempre più frequentemente, all’applicazione di – due pesi e due misure – ? “Diritti e Doveri”? Utopia esageraaaata! Diritti mendicati e oltraggiati, ottenuti, per intercessione divina, con la stessa frequenza di un miracolo. Doveri imposti e ottenuti, spremendo fino all’ultimo sospiro d’anima. Democrazia? Denominazione inesatta, se applicata in questa maniera! Oligarchia, sistema di governo imposto da pochi, da un gruppo di persone (detto anche governo dei pochi) i quali comportamenti politici hanno più un interesse proprio che quello generale dello Stato. Non sentite il profumo di casa? Da quanto non ci viene chiesto a cosa aspiriamo, di cosa abbiamo bisogno, quali sono le reali priorità di chi non riesce a mettere insieme il pranzo con la cena o ricorda a stento la sensazione di un tetto sulla testa? L’importante è mostrarsi generosi e volenterosi, con le spremute di pensione e la schiena degli altri, a discapito del “fratello italiano” che, tendendo una mano, rantola fino a morire. Sei nomade o arrivi a bordo di un barcone? Non Produci nulla ed avanzi pretese? Per passare il tempo bevi fino ad essere satollo di alcool e, a bordo di un mezzo di trasporto, sbirilli le persone? “Spolveri” le abitazioni? Benvenuto!!! Lo squallore a cui si deve sottostare è acuminato, in crescendo, e pare inaccessibile un cambio di rotta. Siamo noi a persistere nelle scelte inappropriate, a non possedere la lucidità o forse le palle, per recidere il cordone ombelicale che ci dissangua. Se le preferenze fossero palesi ed solo chi le ha fatte dovesse rispettarle, la stupidità collettiva non ricadrebbe sulla gobba di tutti. Scusate lo sfogo …

– Carla –

Annunci

14 thoughts on “Democrazia?

  1. Uno sfogo il tuo molto condivisibile cara Carla. Anche se penso che se avessimo le palle come dici tu per cambiare o recidere un cordone ombelicale che ci dissangua, fintanto che non sarà la mentalità a cambiare, l’uomo a riappropriarsi della sua umanità, la politica avrà sempre anche con facce diverse la stessa arroganza di adesso unita al malaffare e al malcostume. Buona giornata. e buon week end. Isabella

  2. Molto interessante il Punto Interrogativo. Ma da quanto tempo crediamo di essere in Democrazia, forse da quando è finita la monarchia? I nostri oligarchi sono dei burattini ma la maggior parte della colpa è nostra che non sappiamo ribellarci e in passato troppo abbiamo delegato, nell’indifferenza di chi crede che dopo aver votato il nostro compito fosse finito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...