Mah!!!

È tutto il giorno che mi sento come una pentola a pressione, con i valvolini di sfogo otturati, e che rovisto tra i pensieri alla ricerca di una spiegazione che, chiaramente, NON C’E’! “ Vivi e lascia vivere” è, da sempre, il mio motto e non invadere gli spazi altrui una forma di rispetto alla quale mai venir meno, fermo restando che la libertà non deve trasformarsi in un mostro che distrugge tutto ciò che incontra, ledendo la serenità del prossimo. Credo di non essere la sola a subirsi, ciclicamente, il disgusto di avere a che fare con persone “indefinibili”, falsi perbenisti, benefattori per immagine e non di cuore, “contabili” fino alla nausea che offrono solo in caso di un sicuro tornaconto, squali affamati che trangugiano, senza pentimenti, anche la parte spettante ad altri, infischiandosene se quella porzione rappresenta, per la vittima della razzia, la sopravvivenza. Che gente!!! Impongono la loro presenza, prediligono stare in vetrina e, con visini di bronzo e sorrisini ponderati davanti allo specchio, hanno quasi la pretesa di essere trattati da “Santi”. “Ma fatemi il piacere!” Ci credono per davvero o sono i primi prigionieri di quelle stesse macchinazioni? L’aria, nelle loro immediate vicinanze, emanando un odore di putrefatto, la sento irrespirabile e patisco, mordendomi la lingua, per non spingerli spalle al muro ed umiliarli rovesciandogli addosso tutto quel che penso. La ripugnanza che li pregna è tanta da non ammettere pietà nemmeno dinanzi alla sofferenza più autentica, a episodi che dissanguano chi li vive, forti di una fortuna che, in realtà, non stipula contratti con nessuno e come la roulette non dà la sicurezza di numeri vincenti. “Le cose sgradevoli non capitano sempre agli altri” è pazzesco non lo capiscano! “Finché la ruota gira me la godo!”, forse, è questa la filosofia che inseguono, scavandosi  la fossa, perché nel momento NO, di sicuro, assaporeranno il vuoto e l’eco disperato delle loro richieste d’aiuto che, difficilmente, qualcuno confesserà di sentire. “Si raccoglie ciò che si semina”, così dicono! Chi mi sta leggendo forse comprende o forse no, lo capisco. Per soppesare le mie parole bisognerebbe conoscere i soggetti dei miei discorsi, avere a disposizione i miei occhi per vedere azioni veramente basse, espressioni mimiche deplorevoli e raggiri, che solo la diffidenza mi fa cogliere pienamente, udire con le mie orecchie espressioni che grondano cattiveria, sputate a bruciapelo con un tono di superiorità o dette a mezza voce, strette tra i denti, ma sempre e in ogni caso alle spalle. “Chi cavolo sono per giudicare chi, spesso, neanche li pensa? Possiedono, casualmente, un’unità di misura che dà l’assoluta certezza d’essere migliori degli altri?”. Scrivo e mi viene il sospetto che qualcuno di voi stia formulando questa domanda  – “Non stai facendo lo stesso?”   in effetti, SI, ma dalla mia ho il non giudicare nessuno per quel che sceglie per se stesso, per come veste, per l’aspetto fisico o altro, mi sta bene tutto, non mi interessa per l’esattezza, purché non si perpetri ingiustizia. Le cose “intollerabili”, la maggior parte delle volte, le ho viste rivolte a chi conosco, altre a sconosciuti, qualche volta mi hanno vista protagonista e, francamente, mi sono data una sola spiegazione : “invidia o pazzia!” In sostanza, come il prezzemolo, entrano in scena la popolarità che qualcuno riscuote, quasi inconsapevolmente, il bene che riesce ad ispirare, l’ammirazione per i risultati di sacrifici che vanno a buon fine o, addirittura, per doti innate o per l’aspetto decisamente piacevole. Gli episodi da menzionare potrebbero portarmi a digitare tutta la notte … uhmmm che tentazione!

Carla

Annunci

32 thoughts on “Mah!!!

  1. Ciao, Carla il contenuto del tuo post rappresenta, in modo eclatante, il perfetto ritratto della maldicenza imbecille che assomiglia soltanto a chi la pratica. “Non ti curar di lor ma guarda e passa!”. Imbecillità e maldicenza costituiscono un binomio indissolubile!
    Buona notte e buon Weekend. Un abbraccio. Osv.

      • Dolcissima notte, Carla. Scontato che la politica italiana, soprattutto, viva di questo. Abbiamo visto al G7 il cazzaro che ha parlato contro i ladri di Venezia e di Milano ma il suo partito oggi ha fatto rimandare il decreto sui poteri da dare al magistrato che da due mesi li attende! Lo stesso presidente del senato, autore del progetto di legge, oggi ha lamentato la stessa cosa.
        Dolcissima e rilassante notte per te.

  2. Purtroppo si ha spesso a che fare con queste persone, non c’è bisogno di avere i tuoi occhi per capire, capisco perfettamente. Ma sto imparando ad ignorarli, parlare di loro è dargli importanza e dedicargli del mio tempo che non meritano. Se ci riesci ignorali, la gente stupida va ignorata tanto non capiranno mai.
    Buon week end
    Maria

  3. Oggi ti sento più arrabbiata del solito “non ti degnar di lor ma guarda e passa”, tanto nella vita tutti gli errori prima o poi si pagano, anche se non sembra vero è così, credimi! Buona domenica giovane amica.

  4. Diciamo che vivi e lascia vivere ha un senso fino ad un certo punto…potrebbe diventare menefreghiso, e purtroppo questo porta all’indifferenza.
    Ad oguno di noi non è dato “giudicare”, ma sicuramente considerare o farsi un’idea si, altrimenti saremmo perfetti imbecilli.

  5. Ps Debbo chiarire altrimenti vengo fraintesa. Guardare da un’altra parte ( e non sempre) non vuol dire ignorare ma soltanto magari alleggerire una vita che non può comunque essere soltanto presa di petto. Allora sì che saremmo tutti stressati. Ciao cara

  6. il buonismo ipocrita di certa gente è più stucchevole della melassa, hai ragione.
    per quanto mi riguarda, anche se questo sta significando smussare un bel po’ il mio caratterino poco docile e diplomatico e fin troppo idealista, sto cominciando a ripagarli con la stessa moneta: sorriso a 320 denti e battutina lapidaria. una faccia di bronzo paragonabile alla loro, praticamente. per questo non capisco perchè mi guardano con occhi vitrei quando rispondo loro per le rime 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...