Gessetti Colorati

Seduta su un prato verdissimo, mi abbandono alle coccole dell’erbetta che mi sfiora i piedi nudi. Con gli occhi chiusi e il viso rivolto al cielo annuso l’aria che profuma di menta e lascio che il suo tepore m’infiammi gradualmente la pelle. Sulle ginocchia reggo un blocco di fogli bianchi ed al lato, addossati su una gamba, un pacco di gessetti colorati.  Sogno, come facevo da bambina, e sulla scia del desiderio di sorridere alla vita, immagino ciò che vorrei trasferire su carta. Scarabocchio con le dita e, senza rendermene conto, riconosco il mio mare, lievemente increspato, il sole che timidamente fa capolino tra le nuvole … È lo scenario che da sempre custodisco nel cuore, l’energia che spezza ogni pensiero malinconico, respingendo la sofferenza stretta alla coda della memoria.

Carla

30 pensieri su “Gessetti Colorati

    • I gessetti e i pastelli hanno fatto impazzire mia madre … Una volta feci un murales sui pannelli di un mobile bianco opaco, al rientro dal lavoro, a momenti non muore. Dopo sono passata ai muri e alla scrittura. Ha risolto l’inconveniente papá, comprandomi quei maxi album da disegno … 😦

  1. Bellissimo sognare ad occhi aperti, un accattivante scacciapensieri che riesce a rilassare ed a scacciare non solo la malinconia ma anche l’ira, almeno la mia. Grazie Carla. L’augurio di una buona serata e di una felice notte. Io, anche volendo, non avrei potuto sdraiarmi su un prato; dalle 17 in avanti abbiamo avuto una serie di violenti, per fortuna brevi, temporali. Ciao. Osv.

    • Il sole tu lo lasci esplodere ad ogni parola … Non ti serve quello che brilla in cielo …. Puoi farne a meno, ogni tanto, daiiiiii … 🙂 buona serata … Baci

      • Grazie. Io, invece, non nel tuo caso, ma a volte sbaglio per troppa fiducia, soprattutto quando barano in modo infantile.
        Ciao, ti riaguro buna notte e vado a dormire perchè Spillo l’ho già portato giù per la sua ultima passeggiata del giorno. Osv.

I commenti sono chiusi.