Vergognati di vergognarti!

Il titolo della pagina non dice molto, me ne rendo conto … Dove andrò ad infilarmi, questa volta? Il soggetto della riflessione è una persona che è entrata nel mio giro di conoscenze per amicizie comuni. Mi trovavo con lei, per strada, quando, nel vedere in lontananza alcune persone, che abitano davanti a casa dei suoi familiari, ha volutamente cambiato rotta, mettendomi in difficoltà. Come se avesse letto nei miei pensieri, un “perché???”, scritto a lettere cubitali, prontamente, mi ha fornito una singolare spiegazione: “Le evito perché parlano sempre in dialetto e mi fanno vergognare!”. VERGONATI di VERGOGNARTI!!!! Primo, il sardo non è un dialetto ma una lingua e, anche se così non fosse, non credo ci sia niente di più bello delle espressioni o cadenze regionali. Ciascuna terra emana una diversa attrazione, dico il falso? Secondo, fino a ieri le trattavi da amiche ed oggi sono appestate? Ti sei guadagnata le stellette perché vivi in città e non più in un paese immerso nel verde? Terzo, non provi pena per te stessa? Con quale coraggio si mettono al rogo le proprie radici? Premesso che TUTTO IL MONDO E’ PAESE e che mi piace pensare al pianeta  che ci ospita come ad uno spazio privo di confini, mi sento orgogliosa della terra dove sono nata. Non mi sforzo di levarmi fino all’ultimo grammo di inflessione, esprimendomi con modi che non sono altro che la brutta imitazione di un mix atroce. Con ciò non voglio dire che non vedo i lati negativi. Non vado fiera delle bassezze umane che non risparmiano nemmeno l’isola, apprezzo il sano, l’onesto, l’altruista, indipendentemente dal mestiere, posizione sociale o quant’altro … Concludo, fiera della mia “sarditudine”, con un proverbio sul buonsenso: “Su molenti sardu du frigas una bolta scetti!”… Il somaro sardo lo freghi una volta sola!

Carla

Annunci

18 thoughts on “Vergognati di vergognarti!

  1. Ciao, Carla. Oggi mi sei piaciuta doppiamente: la prima per ciò che hai scritto e che spero i tyuoi conoscenti lo leggano nel tuo blog; la seconda perchè ho appreso che sei Sarda ed io stimo, apprezzo ed ho altri amici veri Sardi nella vita ed in questa rete.
    Un abbraccio. Osv.

  2. Cara Carla la lingua e l’unico mezzo di cui possiamo comunicare (si ci sono altri modi) e la lingua materna e quella che si dovrei parlare sempre .. e quella che è radicato nel cuore.. dobbiamo essere fieri di quello che siamo… vivano le lingue i daletti e le culture e usanze.. Pif

  3. Non vi è nulla da commentare, mi sento molto vicino alle tue riflessioni.
    Non perché io possa dimostrare una qualche parentela Sarda ( a parte origini nel “regno di Sardegna”, ma perché vi sono inflessioni, frasi idiomatiche , anche allocuzioni, che nella lingua italiana non esistono, questo vale anche per i dialetti.
    Però mi sorge un dubbio, cioè che non si trattasse solo della parlata dialettale…
    Un sorriso.
    Giancarlo

  4. A volte la gente è davvero molto “piccola”……certi atteggiamenti di snobismo fanno davvero cadere le braccia….. Credo che non ci sia nulla di più bello delle proprie origini e non capisco proprio perchè si debba mai provare vergogna!
    Buon pomeriggio Carla!

  5. La vostra è davvero una lingua e non capisco il perchè del vergognarsi, davvero. I miei suoceri parlano quasi sempre in dialetto anche se non in mia presenza perchè pur essendo cresciuta qui, avendo un padre di un’altra provincia e una madre straniera, il dialetto non lo capisco bene e quindi mi facilitano la comprensione! Però è bello sentirlo parlare, è qualcosa che fa parte della cultura di ogni paese!

  6. questo post mi stra piace! bisogna essere orgogliosi delle nostre radici, della nostra storia e della nostra meravigliosa lingua, così ricca di sfumatura. Io da sicula sono molto sensibile all’argomento…. che si vergognino loro! non possiamo rinnegare noi stessi!

  7. Carla sei sarda, ecco perche’ ti adoro, 🙂 io sono innamorata della tua terra con tutti gli abitanti, ho un amica conosciuta nel web, da 8 anni, lei viene da me, io vado da lei, siete meravigliosi, non capisco quella persona che si vergogna delle sue bellissime origini, e’ davvero triste, ci credo che ci sei rimasta male, il dialetto e’ cultura popolare con le sue tradizioni, usi e costumi, il dialetto e’ arte, ma credo che quella tipa non la sa! 🙂 Buon weekend! Laura.

    • Seu sarda … Eh..eh..eh… Io amo tutti gli accenti e dialetti. Ogni regione ha una sua allegria, un modo di dire che si fa ricordare …. Un bacio, spero di diventare anche io una buona amica …. Carla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...