Pensano di me.

L’abito non fa il monaco”.

“Non giudicare un libro dalla copertina”.

Parole sante! Invece è un errore che si compie di sovente. Mettermi a fuoco non è una passeggiata, ne sono cosciente, ma non significa sia impossibile farlo. Spesso si è portati a “bollare”di fretta ciò che ci transita sotto il naso, un po’ per pigrizia, un po’ per la presunzione d’essere psicologi mancati. Io vengo catalogata in due modi completamente opposti. Chi non mi conosce per niente e m’incrocia per caso, anche se con una certa frequenza,  o mi conosce relativamente, giusto per le frasi di cortesia o la buona educazione, si è convinto che io sia altezzosa, acida come uno yogurt scaduto e, soprattutto, convinta, per l’aspetto ancora lontano dall’imbalsamazione, d’essere un’ex Miss Italia in grado di sedurre il mondo, una che se la tira senza nessun ritegno, in parole povere! Chi mi conosce, al contrario, mi reputa uno zuccherino in grado di dolcificargli la vita, una persona che alle qualità di donna matura ha saputo accostare l’ingenuità di una bambina, una che non s’arrabbia mai e tollera all’infinito, in pratica un piccolo angioletto da spolpare! Caspita, la malata convivenza di due personalità? In realtà non sono né tutta carne né tutta pesce, ma un piatto gustoso che può rivelarsi indigesto, realizzato con ingredienti che, solitamente, fanno a botte tra loro e che, nel mio caso, si sposano perfettamente. Ho un carattere mite e l’altruismo è la mia qualità predominante, tollero e volutamente evito chi m’ispira scarsa simpatia, evitandomi implosioni letali “ma”, perché c’è un “ma”, a nessuno è mai balenata l’idea che di Madre Teresa di Calcutta né è vissuta una sola e che non sono in corsa per la beatificazione?

Carla

Annunci

12 thoughts on “Pensano di me.

  1. Come mai fai queste affermazioni?
    Mettersi in gioco, presentarsi, a tutti come credi che ti vedano gli altri, non assomiglia assolutamente a confessare o fare “autocoscienza”.
    Il tuo scopo attuale direi che è sfogarti, perché oggi oppure in questo momento particolare, stai guarda tolti dentro e non sopporti che altri badino solo alla esteriorità . Detto fra noi tu tieni molto al tuo aspetto, allora perché ti lamenti se altri lo ammirano o lo invidiano?
    Ora basta, perché non sono io a doverti “scovare” , ma tu stessa.
    Credo che il tuo modo così diretto di dialogare, come si farebbe con un conoscente di vecchia data, mi stia coinvolgendo più del dovuto, quasi al punto di , dire che ,pur non conoscendo ti, ti voglio bene, con rispetto, naturalmente.
    Un abbraccio
    Giancarlo

    • Il bene è un sentimento altissimo e se pulito è preziosissimo. Non so se considerarlo uno sfogo, forse una riflessione buffa, questo si… Pensavo a quanto non ci prendano le persone a come la mente si faccia film assurdi. Sono una persona che sta sulle sue, parecchio, ma è timidezza non certo un fare legato al sentirmi chissà chi. Sono disponibile ed affettuosa con chi conosco bene, per fede, sicuramente, sentendomi degna di una casa oltre questa vita. Non tengo al mio aspetto come fanno le donne normali, al contrario, non mi trucco mai, indosso quello che mi fa sentire bene e non amo, assolutamente attirare l’attenzione. Non mi piace la sciattoneria, quella no e il lasciarsi andare pensando che tutto sia concesso. La panza, le bandierine sotto le braccia ecc, se si possono tenere lontani ma beeeeeeeeneeeeeee. Esteticamente, lo confesso, ho solo un vezzo, i capelli, me la godo da paura ad averli ancora del mio colore naturale … Superato gli anta..senza capelli bianchi…. Eh..eh..eh …. A presto … Carla

      • Bene, hai detto che non ti trucchi, ma vai orgogliosa di una bella capigliatura.
        Può darsi che il trucco non serva, magari non farebbe risaltare una giovinezza ancora presente, anche questa e’ vanità, ma in senso buono. Son certo tu sia un po’ timida, ma questo non significa che abbia riposto la speranza in qualcosa di meglio.
        Comunque non deve importarti granché degli altri puoi divertirti o rattristarti anche senza di loro. Basta una cerchia definita di amici affidabili.
        Un abbraccio
        Giancarlo

      • Giancarlo, rido di gusto… Non mi trucco per pigrizia e perché ho la pessima abitudine di sfregarmi gli okki, come fanno i bimbi, quando sono stanca. Rido da matti, ricordando un episodio. Avevo messo il mascara, le ciglia che sono lunghe si sono impicciate e mentre cenavo in un ristorante, ho attirato l’attenzione di un tizio che pensava stessi ammiccando. Credo ci si debba accettare come si è. Ad un Brad Pitt, sinceramente, preferisco un Crozza che piace per una unicità senza tempo. Ciaooooo e grazie delle risate.

  2. Quando mi ha visto la prima volta Debora ha detto alle amiche: Mamma mia ha la puzza sotto il naso. Antipatica.
    Quando mi ha visto Roberta ha detto a suo marito: Me piace…e segue, ma non scrivo l’elogio, sarebbe troppo: Oggi, dopo 10 anni sono amiche mie. Giudicare è assurdo, sopratutto quando la persona non si conosce.
    Mi piace quello che hai scritto, scusa ma mi sono fatta una risata, troppo schietta! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...