Svecchiati Carla!!!!

Mi sento lievemente demodé, non al passo con i tempi! È la mia sensazione personale o è veramente così? Osservando un gruppetto di bambini giocare e chiacchierare, qui sotto casa, mi sono domandata: “Dove sono finiti i piccoli di una volta?”. Sembrano creature altamente tecnologiche, parlano in codice e ti fissano come un pezzo da museo, tarlato e rumoreggiante, se non rispondi, battendo il primato di reazione umana, alle loro sparate. Basterebbe provare a comprenderli, scoprire il meccanismo con cui elaborano ciò che gli ruota attorno … Fosse semplice! Sbaglio o ai miei tempi si sapeva usare di più la fantasia? Si era felici con piccoli giochi, inventati con mezzi di fortuna! Provaci adesso, ti compilano, anche senza saper né leggere né scrivere, la scheda per un ricovero immediato! Pensate soltanto alle nostre fiabe, quelle che ci accompagnavano tra le braccia di Morfeo con il sorriso sulle labbra, oggi per fargliele digerire andrebbero riviste e “stravolte”.

–          Cenerentola, per recarsi al ballo e rimorchiare l’uomo della sua vita, alla Fata non chiederebbe mai un abito elegante, finemente cucito a mano quanto, piuttosto, una Lamborghini, ultimo modello, ed un efficacissimo elettrostimolatore per rimodellare i glutei e risollevare il seno. Uno straccetto, dopo, andrebbe più che bene!

–          Cappuccetto Rosso, non si sognerebbe d’attraversare il bosco a piedi, esigerebbe il motorino e alla nonna manderebbe un MMS con il nuovo iPhone, piuttosto che starla ad ascoltare mentre sclera!

–          Il Gatto con gli Stivali, si vergognerebbe come un ladro ad indossare una calzatura vintage e pretenderebbe le Geox, indispensabili per far respirare le zampine!

–          Biancaneve, continuerebbe a russare come un camionista stanco e reagirebbe con aggressività inaudita se un Principe provasse a risvegliarla. Aspirerebbe al bacio di un calciatore di serie A, pronto a sussurrarle all’orecchio non un banale “per sempre” ma il PIN col quale consentirle di prosciugare il conto in banca!

–          La strega cattiva, non domanderebbe più ad uno stupido specchio “Chi è la più bella del reame?”, cercherebbe in rete un chirurgo plastico, di fama internazionale, per una restaurata totale e partecipare a Miss Italia o le selezioni di Veline.

È il caso che mi svecchi un po’?

Carla

Annunci

7 thoughts on “Svecchiati Carla!!!!

  1. Credo che non sia proprio il caso, Carla
    Ciò che bambini, frutto diretto della “saggezza” dei loro genitori hanno perso persino il gusto di giocare non solo quello di costruirsi, inventandoli, i propri giocattoli. Quelli attuali, carissimi e tecnologicamente all’avanguardia non hanno “anima”, non sono stimolanti per le loro capacità e, dopo qualche ora, li annoiano e ne chiedono un altro nuovo per giocarci ancora solo per una frazione di tempo come con il precedente.
    E’ la società nel suo complesso che ha perso tutti i propri valori e non ne ha più da proporre ai propri figli. E anche la scuola, con una serie di ministri e troppi cambiamenti cervellotici ha perso il suo valore di agenzia educativa ed è diventata una fabbrica di ignoranti che non sono più capaci di leggere correttamente e riassumere quanto hanno letto.
    Quindi, nessuno stato di inferiorità ne rispetto ai bambini e nemmeno ai loro genitori. Storicamente sappiamo che le civiltà, ad un certo punto di autodistruggono. Ora è arrivato il turno dell’Italia!
    Ciao, buona serata orgogliosamente Osv.

    • Hai centrato il bersaglio … Io piaccio tanto ai bimbi, dopo il primo impatto, perché mi invento i giochi più assurdi con nulla, tenendoli buonini buonini …. Il nostro paese è imploso da tanto e gli effetti vengon fuori ora … Buona serata ….

  2. La nostra infanzia è stata diversa, come lo sarà quella dei bambini di oggi quando saranno grandi e guarderanno altri bambini. Quello che resta, alla fine, è l’amicizia e il bene che ci si è voluto.

  3. io non ce l’ho tanto con i bimbi, ma con quelle teenagers che malgrado abbiano solo 11-12-13..ect ect anni, dimostrano la mia età!(30), per carità sono tanto carine e alla moda le ragazzine di oggi (..sembrano i pennarelli della Giotto con lo stile di un macarons), ma non capisco questa corsa alla maturità, quando essere bambine è la più spensierata delle fasi di una vita!
    ps: sono troppo una tua fan!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...