Romance Scam

Se un “maschio” (perché chiamarlo uomo, mi sembra inadeguato), ingenuotto e affamato di sesso da bordello, può essere la vittima ideale per realizzare il “sesso a riscatto”, la donna, sola e bisognosa di amore autentico (quello che ha ben poco a che spartire con nudità, atti osceni, proposte indecenti e quant’altro), lo è per la “Romance Scam”, la truffa sentimentale.
Il “vuoto” è il tallone di Achille per colei che è reduce da un abbandono, ha subito un tradimento o ha amato qualcuno di speciale che è passato a miglior vita da parecchio tempo.
L’autostima ridotta ad una nuvola che vaga solitaria, nei primi due frangenti, e il desiderio di sentire, ancora una volta, la vita che frizza nell’anima, nel secondo, spianano la strada al “bastardo” (non di rado vere e proprie organizzazioni criminali) che non esiterà a rosicchiarla come una coscetta di pollo.
Il maschio ha cercato il “sollazzo”, forse anche calpestando chi lo amava, la donna una coperta tessuta con la lana del cuore, due vittime, una quasi meritevole di essere “silurata” e l’altra derubata dalla sua delicata innocenza.
Ufficiale in uniforme, medico o avvocato dalla carriera sfavillante, padre single follemente innamorato di suo figlio, poeta dalla sensibilità esagerata … un biglietto da visita di un’integrità morale e di una profondità che sembra poter gettare la magia di una favola, su una realtà spigolosa e tutta in salita.
Parole, digitate con astuzia, lette con l’entusiasmo di chi sogna, ritrovando la spensieratezza dei 15 anni, sussurrate, appena, nel corso di lunghe chiamate, imbastite al desiderio di creare un legame familiare, proprio con quella donna, attesa da una vita.
Una volta ghermita la fiducia, compreso che le “balle”, ben seminate, producono frutto, ecco che giunge una straziante richiesta di aiuto, in aiuto economico, OVVIAMENTE!
Un intervento chirurgico, liquidità congelate, un contrattempo (per il quale il bastardo assicura di provare imbarazzo, disagio, vergogna) che necessita di una mano tesa per coronare l’incontro e iniziare una vita di coppia.
Innamorata, speranzosa di due braccia che sapranno proteggerla, di diventare mamma di una creatura affamata di affetto, moglie di un uomo “perfetto”, come Wonder Woman, farà più giri su se stessa, trasformandosi in un Bancomat, disponibile fino a restare a secco.
000,00 e lui sparirà, finita la “linfa”, finito l’amore.
Il Principe Azzurro, amiche mie, non esiste … in rete men che meno!!!
– Carla –

Annunci

Sextorsion

“Ciao, mi chiamo Xxxxxxxx, tu?”
“Piacere Yyyyyy …”
Un pugno di parole che schiude la porta!
Giovane, bella, brillante, affabile, con i tuoi stessi interessi e tu, sentendoti graziato dal cielo, ecco che le metti in mano l’ascia che abbatterà la barriera che separa il tuo spazio sereno, dagli abissi dell’inferno.
T’aspettavi che alla domanda
“Cosa fai nella vita?”
ti rispondesse
“Mi occupo di sextorsion?”.
Un’ingannevole spontaneità polverizzerà la diffidenza, una frase spinta saprà sciogliere i lacci di una pudicizia, denudata della sua essenza, promesse che gronderanno erotismo, e via, sempre più giù, tra i meandri scivolosi di un piacere solo tuo, di un’attrazione contraffatta, programmata a tavolino.
Sei sposato, hai una relazione stabile, una posizione di rilievo?
La vittima ideale per una carnefice che non esiterà a “salvare” ogni tuo gesto, a trattenere la tua intimità e a barattarla col denaro, il raccolto per il quale ha speso poco, ciò che meno le interessa, la propria dignità.
Piegarsi ad ogni richiesta, non destinata ad estinguersi e sempre più esosa, per evitare il tritacarne di una pubblicità diffusa, in ogni dove, affinché non raggiunga i tuoi cari, gli amici, i colleghi, chiunque incroci ogni mattina, una scelta obbligata.
Se avessi ragionato con la testa, quella più grande, quella che non risiede in basso, avresti compreso che quella lei, oggettivamente, avvenente, non avrebbe avuto bisogno di te per placare i propri languori sessuali, via web, tra l’altro, ma le sarebbe bastato schioccare le dita in occasione di un qualsiasi faccia a faccia.
L’aver dato per “vetusta” la tua donna, gettato la benzina della stupidità su una solitudine innocua, ti ha messo spalle al muro, costretto a riscattare l’ingenuità degli affamati e fessi.
I fatti di cronaca ed un video (che non riesco più a ritrovare) testimonianza di un uomo siciliano, mi hanno suggerito questa riflessione, pensieri tristi che legati alla vergogna, comprensibile,  nutrono il silenzio, che isola e non permette di riprendere una vita normale.
L’ingenuità (o la fame di maialate) hanno un prezzo, il rendersi ridicoli, il subire lo scherno degli amici, l’ira dei familiari … ma chi tace e apre le tasche, per il timore di pagare le conseguenze di alcune scelte, s’impicca alla corda del “sesso a riscatto”.
– Carla –

55 anni

… di Amore,
quello vero,
che domina il tempo
e vede,
nello sguardo di due
“giovani cresciuti”
ancora la gioia,
viva,
del camminare insieme.
Felice Anniversario
Mamma & Papà
– Carla –

Maquillage anni ’80

L’ironia, quella vera, che non scade nell’ineleganza, è qualcosa che questi due ragazzi conoscono benissimo …
Ogni volta che guardo questo video, mi sento male, riconoscendo il “mascherone” che esibivano le ragazze negli anni ’80, una roba tremenda che, in quel momento, credevano renderle bellissime.
Come avete fatto, ragazzi della mia generazione, a non morire dal ridere?
Ringrazio il Signore di avermi resa maldestra con la realizzazione di qualsiasi make-up, diversamente, oggi, avrei una collezione di foto versione “circo”.
Ho sempre indossato la mia faccia (per forza maggiore) e, tutto sommato, non mi è andata male, la mia anima ha sempre lasciato un segno indelebile.

https://youtu.be/J__n6ZkvmlQ

– Carla –

Una goccia

 

“Quello che noi facciamo è solo una goccia nell’oceano,
ma se non lo facessimo l’oceano avrebbe una goccia in meno”
– Madre Teresa –

Dio benedica ogni stilla d’amore che nel toccare l’anima la possa rianimare, mettendo a tacere la voce roca della solitudine ed estinguendo ogni dolore.
A chi mi ama dico Grazie, per l’acqua limpida che bagna il mio cuore!
– Carla –